+ (39) 335 6659449

info@mondo-seo.com

Come fare quando il nome del dominio perfetto e’ gia’ stato acquistato

24 Nov

Come fare quando il nome del dominio perfetto e’ gia’ stato acquistato

Siamo ormai nel 2010, Internet esiste da troppo tempo e alcuni folli pensano di poter iniziare oggi a mettere in piedi un buon sito, ben posizionato su Google e con un titolo facile da ricordare. Degli illusi? Magari sono solamente dei buoni SEO

Il problema tipico

Qualche mese fa mi sono messa in testa di creare un sito che contiene i moduli per effettuare la disdetta con Sky e Mediaset Premium.

La prima idea che mi è venuta in mente è stata : “Lo chiamerò disdetta.it, semplice e geniale!”: soluzione ideale anche per il posizionamento su Google, visto che la mia parola chiave si trova esattamente nel titolo.

Idea brillante, ma… il sito è stato comprato da tre anni, anche se contiene solo una pagina di parcheggio.

Non demordo: disdetta.com ! Esiste da quattro.

Disdetta.org? Libero ma non mi piace.

Ho pensato a tanti altri nomi, ma tutti risultano occupati.

Dopo tante richerche mi sono trovata con le opzioni seguenti:

– disdetta.org;

– contattare il proprietario di disdetta.it e chiedergli di cedermi il dominio (ad un prezzo sicuramente esagerato);

– oppure prendere un sito tipo “letteradidisdetta.com”, per mantenere la mia parola chiave nel nome;

Qual è la vostra scelta?

Io mi sono messa a pensare a quello che vuol dire “avere un buon nome” per un sito : qualcosa di facile da memorizzare per parlarne con gli amici? Non credo, visto che ora i link vengono mandati via mail / twitter / Facebook / IM o altro, e raramente sono citati a voce.

Piuttosto, credo che il nome serva solo a Google per stabilire la sua SERP. E allora torno a Google, e osservo bene come analizza i nomi di dominio. Da qualche tempo questo splendido motore di ricerca inglese è diventato più intelligente e si preoccupa di capire anche le lingue straniere : ora quando si cerca “gatto” su Google si trovano anche le pagine che contengono la parola “gatti”, o magari “gatte”. La conoscenza dei plurali e del maschile / femminile da parte di Google è la mia àncora di salvezza.

Cerco quindi www.disdette.com: libero ! Lo prendo perchè ho la certezza di avere un buon posto nelle ricerche che usano la parola chiave “disdetta“.

Volete ottenere una parola chiave non più disponibile da anni? Pensate alla parola al plurale! E se siete proprio disperati, ecco un trucco veramente meschino ma che funziona : mettete l’articolo davanti, magari sbagliato di sesso! “IlGatto.it” è sicuramente libero, e Google capisce che le prime due lettere sono un articolo, quindi sarete posizionati bene sul termine “gatto”.

Scritto da Lucia Caracciolo

l’Autrice SEO per caso, lavoro di solito come programmatrice per Limmat Italia, uno studio commercialista online. Lavoro soprattutto di notte da mezzanotte alle cinque, e amo sentire gli uccellini che cantano all’alba quando mi ricordano che devo andare a dormire.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra, anche scrollando semplicemente con il mouse. Leggi tutto per maggiori informazioni sull'utilizzo.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi