Il passaparola digitale motore dell’ecommerce?

27 Set

Il passaparola digitale motore dell’ecommerce?

 

Internet ha modificato molti aspetti della nostra vita, ma forse uno dei cambiamenti più significativi è nel modo in cui compriamo beni e servizi. Sebbene nulla potrà mai sostituire il piacere di recarsi nel punto vendita per vedere e toccare con mano i prodotti, la convenienza degli acquisti online è imbattibile. E per servizi quali la prenotazione di viaggi o l’acquisto di biglietti per spettacoli e concerti, la possibilità di effettuare l’operazione online 24 ore su 24 rende il processo molto più semplice ed efficiente. Ma soprattutto internet consente di affrontare gli acquisti in modo più consapevole, grazie alla possibilità di raccogliere facilmente informazioni, confrontare caratteristiche e prezzi e, aspetto ancora più rilevante, poter leggere le esperienze e le opinioni di altri consumatori su quel prodotto.

Nel mese di marzo 2010, Nielsen ha condotto una survey a livello globale intervistando oltre 27 mila utenti internet in 55 paesi tra Asia Pacifico, Europa, Medio Oriente, Nord e Sud America per analizzare come i consumatori acquistino online. Quali sono i prodotti che intendono acquistare online, come utilizzano i vari siti, l’impatto dei social media e di altri fattori che entrano in gioco nel momento della decisione di acquisto.

Emerge da questo studio che ci sono alcuni prodotti che vengono acquistati online che sono universali e altri che hanno ancora molta strada da fare per conquistare una quota significativa di transazioni online.

grafico_passaparola_digitale.jpg
In Europa, l’attitudine allo shopping online è alta: il 79% dei consumatori europei online dichiara di voler acquistare beni e servizi via internet nei prossimi 6 mesi. I consumatori online in Norvegia e Gran Bretagna mostrano la maggiore propensione all’ecommerce con quasi il 90%. Anche gli utenti italiani si dichiarano piuttosto propensi agli acquisti online, con il 78% che afferma di aver già pianificato un acquisto nei prossimi 6 mesi, in linea con il dato medio europeo.

grafico1_passaparola_digitale.jpg
Leggere commenti e suggerimenti pubblicati online prima dell’acquisto è prassi comune per alcuni prodotti, quali in particolare l’elettronica di consumo, mentre per altri beni gli acquirenti si affidano ancora in misura prevalente ai consigli di familiari e amici.

Uno dei più grandi vantaggi dello shopping online è proprio la possibilità di leggere opinioni e commenti su un determinato prodotto pubblicati online da altri consumatori, sia che si tratti di esperti o di normali acquirenti come noi. Queste recensioni diventano ancora più importanti quando si tratta di acquistare prodotti di elettronica di consumo: il 40% dei rispondenti afferma che non comprerebbe senza aver prima letto le recensioni online su quel prodotto. Oltre all’elettronica, le altre due categorie di prodotti per cui riveste grande importanza la possibilità di leggere le recensioni postate online da altri consumatori prima dell’acquisto sono automobili (38%) e software (28%).

grafico2_passaparola_digitale.jpg
Le opinioni dei consumatori online sono dunque sempre più rilevanti anche nell’ecommerce e possono arrivare a condizionare la decisione di acquisto. Per questo Nielsen mette a disposizione delle aziende il servizio BuzzMetrics, che aiuta ad ascoltare i consumatori monitorando e analizzando i commenti pubblicati sui social media.

A livello globale, un terzo dei consumatori afferma di prediligere lo shopping online su siti di retailers che hanno una presenza solo online (come ad esempio Amazon.com), uno stesso 20% di rispondenti preferisce l’acquisto nei siti che hanno anche un negozio “brick and mortar” tradizionale e nei siti che consentono di selezionare i prodotti da molti diversi negozi. Solo il 16% dei rispondenti a livello globale sostiene di non aver mai acquistato online.

Le preferenze di sito variano nelle diverse regioni del mondo. Quasi la metà dei nord americani acquista più frequentemente in negozi solo online (il 39% in Europa), mentre un terzo dei latino americani preferisce acquistare nei siti che hanno anche negozi tradizionali (il 21% in Europa).

I più restii allo shopping online sembrano essere i consumatori in Medio Oriente, Africa e Pakistan: quasi la metà (47%) afferma di non aver mai acquistato un bene su internet. Al contrario i più propensi sono i consumatori online in Asia Pacifico (solo il 13% non ha mai acquistato online) e gli europei (15%), che superano persino il Nord America.

grafico3_passaparola_digitale.jpg
Nel selezionare i siti nei quali effettuare gli acquisti, gli italiani sembrano prediligere i siti dei retailers: il peso di questi siti sul totale della categoria ecommerce è infatti il 72%, con una crescita dell’audience del 12% nell’ultimo anno. Sempre molto consultate anche directories e guide allo shopping, che pesano per il 60% circa del totale e che registrano una crescita del 24% nell’anno.

tabella_passaparola_digitale.jpg
Fonte: http://nielsen.mag-news.it/nl/a.jsp?Wd.vL.Dyp.G4.F7.ixp

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra, anche scrollando semplicemente con il mouse. Leggi tutto per maggiori informazioni sull'utilizzo.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi