Il Remarketing

Google Remarketing 21 Giu

Il Remarketing

 

Parliamo di un argomento che sempre più spesso viene chiesto dai clienti: il Remarketing.

Viene chiesto perché è una pratica oramai usuale, che gli stessi clienti vedono ogni giorno su Internet.

In pratica, il remarketing è quella attività di comunicazione pubblicitaria  che viene riproposta agli utenti che hanno già avuto un contatto con la nostra azienda, sia per aver visto i nostri prodotti o servizi, sia perché hanno visitato il nostro sito o il nostro annuncio creato su Google Adwords, oppure perché ci hanno semplicemente contattati.

Si ritiene che, visto che l’utente ci ha già visto o contattato, ha dimostrato interesse a quanto facciamo, e quindi gli riproponiamo i nostri servizi.

L’obiettivo del remarketing è quello di aumentare la percentuale di conversioni, quindi di contatti e/o acquisti.

Siccome la posta in palio è molto alta (convertire, quindi concretizzare, le visite in reali ordini o preventivi), la tecnica di remarketing non è certamente gratuita, ma possiamo dire che comunque non è così esorbitante la spesa, visto anche che il ritorno sull’investimento è alto e reale.

Dove si effettua il remarketing?

Il remarketing è un tipico strumento di Google Adwords, ed è anche attivabile sui principali Social e anche su App. Può essere attivato su campagne in rete Search, come anche in rete Display.

Possiamo senz’altro affermare che i maggiori risultati si ottengono sulla rete Display, proprio perché l’utente si vede apparire degli annunci di immagini che sono più facilmente fruibili e, come si dice, “buca lo schermo”.

I principi su cui si deve basare una corretta campagna remarketing?

Siccome la campagna deve andare a sollecitare utenti che hanno già mostrato interesse per la nostra attività, è importante essere veloci e “insistenti”, colpendo gli utenti con parole chiave altamente performanti. Riteniamo corretto impostare un budget medio-alto, lavorando più che altro con le parole chiavi “all’asta”, proprio perché il ritorno sull’investimento (ROI) è molto alto.

E’ importante inoltre non eccedere nell’insistenza degli annunci sugli schermi degli utenti, e quindi è importante impostare una corretta durata dell’operazione. Il rischio è quello di infastidire l’utente, ed ottenere l’effetto contrario.

Stessi effetti negativi si hanno riproponendo i nostri annunci agli utenti che hanno già convertito, quindi che hanno già concluso l’ordine. Sono utenti che possono non essere più interessati. Per limitare questi effetti negativi, è importante individuare le conversioni già avvenute.

Quali sono le occasioni per cui spingere il remarketing?

Sono diverse le occasioni, e sono tutte da creare a tavolino. E’ necessario fare prove mirate, per poi indirizzare gli sforzi sulle occasioni che generano maggiori conversioni.

Lo scopo principale è quello di sollecitare la richiesta di maggiori informazioni, per poi portare l’utente all’acquisto.
Di fronte ad un iniziale interesse dell’utente, dovremo essere bravi ad “ingolosirlo” proponendo alcune occasioni come la proposta di sconti o promozioni limitate nel tempo, avvisi di eventi a cui partecipare, ed altro ancora.

Nel caso disponessimo di un sito e-commerce, allor le occasioni possono essere il sollecito a chiudere un ordine, la proposta di articoli simili a quelli da lui osservati, proposte di fedeltà per i clienti già acquisiti, ed altro ancora.

Sempre nel caso sdi sito e-commerce, dobbiamo ricordarci che l’acquisto difficilmente viene fatto in prima battuta, ma è altrettanto vero che non deve passare troppo tempo dal primo approccio. Pena il disinteresse dell’utente o il suo abbandono per dimenticanza.

Il remarketing su Google Adwords

Google Adwords è il principale mezzo di remarketing utilizzato dalle Web Agency, e a ragione. Il motivo è che Adwords è da anni che utilizza questo strumento, e quindi i risultati sono più tangibili, come le stime sono più reali. Inoltre Google, essendo ancora il primo motore di ricerca, è il mezzo utilizzato da tutti per fare ricerche.

Si parte dal proprio account su Google Adwords (se non già creato).

Per iniziare, è necessario aggiungere i tag di remarketing al nostro sito. Per fare questo, è necessario aggiungere il tag di remarketing su tutte le pagine che compongono il nostro sito. Il tag di remarketing viene fornito dallo stesso Google Adwords, cliccando alla voce “Remarketing Tag”. Il codice va copiato in formato html, e non è altro che un segnalibro che fornirà a Google Adwords le informazioni di ritorno sulla campagna che andremo a fare, fornendo a noi statistiche e dati assolutamente vitali.

Dopo questo primo passaggio, è consigliabile creare degli elenchi di remarketing.

Come creare elenchi di remarketing?

Lo stesso Google consiglia di creare un elenco di remarketing per i visitatori di una pagina della categoria di prodotto che ci interessa e che riteniamo sarà la più utilizzata.

A questo punto il tag di remarketing riferisce a Google Adwords il salvataggio dei visitatori in un particolare elenco chiamtao “Elenco delle categorie popolari”.
Il procedimento è il seguente:
quando gli utenti visitano la pagina, il cookie, unitamente al loro ID che è univoco, viene inserito nell’elenco di remarketing. Questo è possibile inserendo un piccolo codice Javascript anonimo per “seguire” il pubblico su tutto il web.

Il codice va inserito nella pagina di atterraggio del nostro sito, ed è assolutamente non visibile dagli utenti che visitano questa pagina.

Quando utenti nuovi visitano il sito o la pagina di atterraggio all’uopo creata, lo stesso codice rilascia ai browsers un cookie anonimo.
Da questo momento gli utenti sono tracciati e mentre navigano su internet gli apparirà l’annuncio che abbiamo creato in precedenza.

La cosa più importante è che l’annuncio viene mostrato solo agli utenti che hanno già visitato il tuo sito.

Ci sono delle semplici regole da seguire. In pratica, dopo che si è aggiunto il tag di remarketing al sito, si possono inserire regole che definiscono gli elenchi creati, suddivisi per le varie sezioni del sito.

Se ad esempio si intende definire l’elenco per una pagina del sito in cui si propongono servizi di consulenza web, si può utilizzare la regola “URL contiene consulenza web”. E’ importante che l’URL della pagina del sito contenga anche lei la dicitura “consulenza web”.

Creazione di campagne Google Adwords di remarketing.

E’ possibile ora creare una campagna specifica di remarketing che contiene un messaggio che verrà mostrato agli utenti che sono inclusi nel nostro elenco “Elenco di categorie popolari”, quando questi effettuano ricerche su Google. La campagna di remarketing può essere attivata sia per le campagne Search che per quelle Display.

Che cosa è il Retargeting?

E’ uno strumento molto efficace che permette di indirizzare gli investimenti pubblicitari ad utenti che hanno dimostrato interesse alla nostra attività.
Lo scopo principale è quello di concentrare tutte le risorse messe in campo solo su un pubblico specifico, massimizzando il ROI.

Il remarketing su Facebook

Anche il Grande Fratello FaceBook si è piegato alle logiche pubblicitarie di Google, ed oggi è possibile mostrare annunci FaceBook anche su questo Social, facendoli vedere a chi ha visitato il sito o la pagina Facebook.

Quali sono i vantaggi del Remarketing?

Posto il fatto che il remarketing è un sistema di comunicazione che funziona molto meglio quando è combinato su diversi canali (quindi Google Adwords, SEO, Social Media), il remarketing aumenta realmente la conversione, quindi converte la semplice visione in una reale visita, richiesta di contatto, richiesta di preventivo.

E’ fondamentale capire che il remarketing non può essere utilizzato da solo, e che per fare vedere gli annunci bisogna utilizzare campagne ADS di Google e Facebook. Dopo sì che il remarketing farà il suo lavoro, cioè farà fare azioni attive agli utenti, rendendo possibile la conversione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra, anche scrollando semplicemente con il mouse. Leggi tutto per maggiori informazioni sull'utilizzo.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi